Archivio tag per: startup

Dare spazio al network: connettere idee e territori. Intervista a Davide Dattoli.

Reading time: 6 minutes

04 Ott
04/10/2017
Foto del profilo di Giacomo Marchesini

by Giacomo Marchesini

SDA Research Fellow of Strategic and Entreprenurial Management

Davide DattoriImmaginate di poter mettere a sistema la conoscenza, la creatività e la forza innovativa delle principali città di tutta Europa, da Milano a Barcellona, da Cosenza a Bucarest, attraverso un network di relazioni e di spazi di lavoro in cui migliaia di talenti possano viaggiare, collaborare, connettersi e contaminarsi.
Un vero e proprio distretto europeo dell'innovazione: questa è la visione alla base di Talent Garden, rete di co-working campus ad oggi presente in 15 località in Italia e 4 in Europa, nata a Brescia nel 2011. I campus offrono spazi di lavoro, sale meeting, aule e aree di svago e relax. Gli “abitanti” sono freelancer, innovatori, startup, scrittori, scienziati, imprenditori, designer, filosofi, etc. 

Insieme a Davide Dattoli, CEO e co-fondatore di Talent Garden, approfondiamo la storia, il modello di business e le principali sfide di una delle realtà più dinamiche del panorama delle startup italiane.

Leggi tutto →

Fare startup nel lusso: sogno o realtà?

Reading time: 6 minutes

22 Set
22/09/2017
Foto del profilo di Luana Carcano

by Luana Carcano

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Il concetto di luxury business è naturalmente associato nell’immaginario collettivo a marche centenarie che possono contare su prodotti iconici, fortemente rappresentativi; dei veri e propri super-eroi con nomi e storie note e conosciute, sulle quali le aziende del lusso continuano a costruire il proprio business e capitale simbolico. Coniugano il rispetto della tradizione con la capacità di declinarla in maniera contemporanea, passando così attraverso generazioni di clienti, mantenendo intatta la desiderabilità dei loro prodotti chiave e della marca.
Nello sviluppare le loro strategie, possono contare, spesso, su archivi di disegni, prototipi, prodotti, che ne enfatizzano l’autenticità, rafforzandone la reputazione, in un circolo di “innovazione nella tradizione” che spesso diventa molto virtuoso, come dimostrano i risultati economici delle marche di maggior successo. 

In apparenza, quindi, il numero di start-up che operano nel lusso appare assai limitato, soprattutto se confrontato con altri business caratterizzati da un maggior dinamismo. In realtà, andando a esplorare lo scenario con maggior attenzione, sta emergendo una nuova generazione di imprese in grado di affermarsi all'interno di questo segmento.

Leggi tutto →

Fooled by randomness: se l’avversità diventa un’idea di business. Intervista a Giorgio Pautrie

Reading time: 7 minutes

27 Apr
27/04/2017
Foto del profilo di Giacomo Marchesini

by Giacomo Marchesini

SDA Research Fellow of Strategic and Entreprenurial Management

 “Quel che si ottiene con scarso aiuto della fortuna è più resistente al caso”
N. Taleb, “Fooled By Randomness”

 

Giorgio Pautrie_ CEO & Founder DanteMS_small

Nell’intraprendere un percorso imprenditoriale bisogna essere consapevoli del fatto che, per quanto si possano pianificare e analizzare scenari, il “caso” gioca sempre un suo ruolo. Improvvisazione e sperimentazione, se applicate con metodo, svolgono un ruolo essenziale.

Questa è la storia di Giorgio Pautrie, 27 anni, CEO e Co-fondatore di Dante Medical Solutions. L'azienda, nel 2015, ha lanciato sul mercato Mind the Gum, una chewing gum che è in grado di migliorare memoria, concentrazione e lucidità, combinando 15 componenti attivi e l'effetto coadiuvante della masticazione. Oggi è incubata in Speed Mi Up e il prodotto è distribuito in più di 1.000 punti vendita in tutta Italia. Dopo aver venduto più di mezzo milione di confezioni in un anno e aver ottenuto visibilità anche sulla stampa internazionale, il prossimo passo sarà lo sviluppo sui mercati esteri.

Leggi tutto →

La crescita delle PMI: continuità o start-up?

Reading time: 7 minutes

13 Lug
13/07/2016
Foto del profilo di Carmine Tripodi

by Carmine Tripodi

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Di recente, in occasione di un seminario con gli studenti, mi sono trovato a discutere dei modelli di business che le piccole e medie imprese devono adottare per dare continuità al proprio successo nei contesti competitivi emergenti. Scenari in cui la tecnologia, l’ampiezza dei mercati geografici e le caratteristiche della concorrenza, solo per citare qualche esempio, stanno guidando processi di rapida e profonda trasformazione. Quasi naturalmente il dibattito si è polarizzato intorno a due posizioni distinte.

Da una parte, la necessità di interpretare i profondi cambiamenti del contesto esterno e di proporre un modo di fare impresa più ambizioso, capace di “assorbire” i contenuti più profondi dei processi di trasformazione e di “ricombinarli” in maniera originale, adattandoli alle peculiarità della singola azienda. Un approccio non necessariamente orientato alla crescita dimensionale, ma che, riuscendo a creare nuove opportunità di mercato, consente alle aziende di diventare spesso più grandi e di accrescere la propria competitività.

Dall’altra, l’opportunità di mantenersi nel solco della tradizione, di presidiare il medesimo ambito competitivo e, in estrema sintesi, di continuare a fare quanto si è sempre fatto, concentrandosi sul proprio core business. Un approccio in cui sembra forte la sensazione che le aziende possano difendere la propria posizione a prescindere dalle dinamiche in atto nel settore, senza preoccuparsi troppo di rimanere piccoli, con l’idea che i rischi di intraprendere nuove strade siano così elevati da sconsigliare qualsiasi pericoloso cambio di direzione.

Leggi tutto →

Creatività e coraggio per fare innovazione

Reading time: 5 minutes

06 Apr
06/04/2016
Foto del profilo di Lucia Paladino

by Lucia Paladino

SDA Lecturer of Strategic and Entrepreneurial Management

CircleGarageTeam_MarcoGaudina_SnapseedIl mercato legato alla tecnologia è dominato da grandi player che operano a livello globale. Ma se si hanno una buona idea e una sufficiente dose di coraggio lo spazio per inserirsi in un settore dominato da colossi come Apple e Samsung, lo si può trovare. Questa è la storia di Marco Gaudina, 35 anni, fondatore di Circle Garage, una piccola e intraprendente realtà genovese, che si propone di competere nel campo dei wearable devices facendo leva su creatività e innovazione.

Leggi tutto →