Archivio tag per: Made in Italy

Molto vicino, molto lontano: crescere nel food. Intervista a Luca Fabianelli

15 Nov
15/11/2016
Foto del profilo di Guia Beatrice Pirotti

by Guia Pirotti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

2_SnapseedIl Pastificio Fabianelli produce pasta in Toscana a Castiglion Fiorentino dal 1860, con distribuzione nel Centro Italia e in 56 Paesi in 5 continenti. La scelta di legarsi al territorio e al controllo della filiera e di essere "first mover" in alcuni mercati internazionali in crescita si è rivelata vincente per lo sviluppo nel medio-lungo periodo. A questo si aggiunge, pur nel rispetto della tradizione, una ricerca continua di innovazioni di prodotto e processo oltre che una personalizzazione elevata nei diversi mercati internazionali. Ne parliamo con Luca Fabianelli, export manager di Pastificio Fabianelli.

Leggi tutto →

L’impresa del vino: visione, strategia e struttura. Intervista a Massimo Gianolli

Reading time: 5 minutes

08 Giu
08/06/2016

Foto del profilo di Guia Beatrice Pirotti

by Guia Pirotti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Massimo Gianolli FotoL’azienda vinicola La Collina dei Ciliegi nasce nel 2010 per iniziativa di Massimo Gianolli, imprenditore di successo nel mondo della finanza che decide di dedicarsi per passione a quello del vino. L’azienda parte come una start-up, in un settore da sempre attento alla tradizione storica e alla riconoscibilità del marchio, e nel giro di pochi anni ottiene numerosi premi e riconoscimenti internazionali, cresce in fatturato, conquista i principali mercati esteri.

I risultati si devono ad un approccio strutturato, alla capacità di coesione di tutti gli elementi secondo un disegno ben pianificato: dalla specializzazione delle competenze, alla segmentazione del mercato, ad una precisa strategia di internazionalizzazione, fino ad arrivare alla valorizzazione dei luoghi. Ne parliamo in questa intervista con Massimo Gianolli, Presidente della Collina dei Ciliegi.

Leggi tutto →

L’eccellenza del saper fare. Intervista a Angelo Gaja

Reading time: 7 minutes

10 Dic
10/12/2014
Foto del profilo di Guia Beatrice Pirotti

by Guia Pirotti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Angelo-Gaja_1Gaja è da sempre sinonimo di vino di grande qualità e marchio premium della tradizione italiana. L’azienda, fondata nel 1859 a Barbaresco, di fronte ai cambiamenti storici avvenuti nelle scelte di consumo, nel gusto, nelle percezioni legate al vino prospera da cinque generazioni e si rivela resiliente nel tempo.

Dietro questo successo ci sono le intuizioni di Angelo Gaja, definito il re del Barbaresco, oggi alla guida dell’azienda, e una formula precisa: “bisogna fare, saper fare, saper far fare e far sapere”.

Leggi tutto →

Purché sia semplice: le aziende italiane e il digitale

Reading time: 5 minutes

26 Nov
26/11/2014
Foto del profilo di Carlo Alberto Carnevale Maffè

by Carlo Alberto Carnevale Maffè

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

 “Le organizzazioni efficaci sono garrule, maldestre, superstiziose, ipocrite, mostruose, ottopodi, erranti e scontrose”.

Quando Karl Weick, il geniale teorico dei legami deboli, scrisse quest'affermazione non si riferiva necessariamente alle aziende italiane. Ma le sue ipotesi possono contribuire a spiegare come mai l'utilizzo di Internet ed in generale il digitale in Italia rimanga strutturalmente sotto la media europea, mentre da oltre 20 anni il Bel Paese è leader nell'adozione della telefonia mobile. Vediamo perché, in tre punti.

Leggi tutto →

Italian sounding: minaccia o opportunità?

Reading time: 5 minutes

22 Ott
22/10/2014
Foto del profilo di Massimiliano Bruni

by Massimiliano Bruni

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Il settore alimentare costituisce uno dei pilastri dell’economia nazionale.  Nel solo comparto della manifattura alimentare l’ISTAT stima che in Italia vi siano più di 55.000 imprese, le quali danno lavoro a quasi 400.000 addetti. Con una dimensione complessiva di oltre 220 miliardi di Euro e un volume di esportazioni pari a 33 miliardi, fornisce un importante contributo alla bilancia commerciale del nostro Paese. I mercati esteri sembrano rappresentare oggi la principale opportunità di crescita di medio e lungo termine, a fronte di un mercato nazionale che evidenzia, dal 2013, un calo dei consumi alimentari delle famiglie italiane. Non stupisce, dunque, se il Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, ha più volte dichiarato di ritenere che un obiettivo da perseguire entro il 2017 è di arrivare ad esportazioni per 50 miliardi di Euro.

Nello scenario della crescita internazionale, molti lamentano la concorrenza, da molti considerata sleale, dei prodotti cosiddetti “Italian sounding”; prodotti realizzati al di fuori dall’Italia, presentati sui mercati esteri con nomi che evocano origini e caratteristiche italiane. ISMEA e il Ministero delle politiche agricole stimano che i falsi prodotti alimentari italiani superano i 60 miliardi di Euro e che due prodotti alimentari di tipo italiano su tre siano falsi. Se certamente questi prodotti tradiscono la tradizione e il gusto italiano e confondono spesso i consumatori stranieri, costituiscono veramente una minaccia oppure offrono anche una grande opportunità per i nostri prodotti e per le nostre aziende?

Leggi tutto →