Archivio tag per: innovazione

VIDEO: Che cosa possono imparare le aziende tradizionali dalle start-up? – What can traditional companies learn from start-ups?

20 Nov
20/11/2014
Foto del profilo di Mikkel Draebye

by Mikkel Draebye

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Il Professor Draebye, SDA Professor di Strategia e Imprenditorialità, ritiene che il futuro sarà fortemente influenzato dall'imprenditorialità e che le grandi aziende debbano adottare la mentalità di una start-up e modificare i loro processi per restare competitive nel contesto attuale. Draebye approfondisce le ragioni del successo delle start-up e parla delle lezioni che le grandi aziende possono imparare da quelle appena nate.

Professor Draebye (SDA Professor of Strategic & Entrepreneurial Management) asserts that the future is entrepreneurial and large corporations need to adopt a start up mentality and change their current processes to remain competitive in the current business climate. Draebye explodes the myths behind the successes of start ups and talks about the lessons that corporations can learn from new ventures.

Il cliente al centro del modello di business. Intervista a Antonello Baldanesi.

Reading time: 5 minutes

02 Ott
02/10/2014
Foto del profilo di Guia Beatrice Pirotti

by Guia Pirotti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

BaldanesiIn un’economia soggetta a shock esterni e crisi, in un’Italia in cui la situazione appare tutt’altro che rosea, si affacciano e prosperano modelli di business non tradizionali che mettono al centro il cliente finale, come quello della vendita diretta e del network marketing. Una visione a lungo termine, la possibilità di essere imprenditori di se stessi, la flessibilità del lavoro sembrano essere fattori che attirano sempre più incaricati alle vendite e che fanno della vendita diretta un modello anti-crisi.

Ne parliamo con Antonello Badanesi, AD di LR Italia, azienda tedesca di beauty e health operante attraverso il modello della vendita diretta. Dopo anni di esperienza nel settore della cosmetica, assume il controllo della sede italiana di LR e continua a far crescere l’azienda. Alla base di questo successo ci sono il rigore e l’affidabilità tedesca, gli incentivi premianti, un sistema di carriera chiaro e strutturato e una visione orientata al lungo termine. Riuscendo a promuovere l’imprenditorialità dei singoli.

Leggi tutto →

Disruption: la disciplina dell’indisciplina

Reading time: 7 minutes

24 Set
24/09/2014
Foto del profilo di Erica Corbellini

by Erica Corbellini

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Come superare la soglia del rumore in tempi dove l’affollamento di messaggi e sollecitazioni produce un costante inquinamento acustico e visivo? Come emergere in un contesto in cui gli investimenti in comunicazione sono sempre più polarizzati tra grandi conglomerate con fatturati a 10 cifre e una costellazione di aziende che faticano a mettere a budget anche solo poche pagine di pubblicità o a superare i 1000 like su facebook?
Prima ancora dei mezzi ci vogliono le idee che per essere di successo devono essere di rottura: “Un’idea che non sia pericolosa è indegna di chiamarsi idea” è una delle massime che ci ha lasciato il grande Oscar Wilde. Per percorrere una strada nuova è necessario allontanarsi dai sentieri già battuti, il che implica sempre una certa dose di rischio: “Le idee ispirate dal coraggio sono come i pedoni negli scacchi, possono essere mangiati ma anche dare avvio ad un gioco vincente” ha commentato un altro numero uno, Johann Wolfgang von Goethe.

Leggi tutto →

Tornare alle origini per fare innovazione. Intervista a Andrea Granelli

Reading time: 6 minutes

17 Giu
17/06/2014
Foto del profilo di Guia Beatrice Pirotti

by Guia Pirotti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

La retorica non è l'arte del dire, ma l'arte del ragionare. È la principale tecnologia della mente che ci consente di intuire, fare un ragionamento, avere una visione delle cose. La retorica è lo strumento della leadership. (Andrea Granelli)

granelliGli scandali in politica e in economia rendono quanto mai attuale il tema della responsabilità della leadership, soprattutto e paradossalmente quando si vuole fare innovazione. Il leader responsabile e credibile, come insegnano gli antichi Greci, è colui che sa unire logos e bios – parola e azione. Da una parte si tratta di strutturare un ragionamento, avere dei contenuti in cui si crede e di cui ci si assume la responsabilità.
Dall’altra diventa necessario saper comunicare al meglio questi contenuti. L’arte della retorica, ovvero la capacità di formulare un ragionamento e di saperlo comunicare, unisce le due capacità e si pone al centro dell’attività dei leader responsabili che oggi vogliono produrre innovazione.

Il ragionamento di chi fa innovazione è basato sul mettere insieme i pezzi, anche se sconnessi e dissonanti tra loro, e saperne creare una visione univoca volta a muovere e smuovere le persone. Oggi, proprio come succedeva nell’antica Grecia, dare i nomi alle cose permette di impostare l’azione di cambiamento successiva.
Questi i temi dell’intervista fatta a Andrea Granelli, fondatore e presidente di Kanso, società di consulenza che si occupa di innovazione.

Leggi tutto →

Sette domande per una strategia di successo

Reading time: 8 minutes

12 Mag
12/05/2014
Foto del profilo di Paolo Morosetti

by Paolo Morosetti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Perché una strategia fallisce?

Lo studio delle cosiddette condizioni di successo (o di efficacia) di una strategia non è materia nuova. Da tempo ricercatori e consulenti di management si sono cimentati nell’indagine, dando alle stampe suggerimenti e riflessioni, talvolta declinati  per varietà di settore oppure modello di business.

Da questo patrimonio di sapere ho voluto attingere per elaborare un test generale che aiuti i leader aziendali a giudicare la validità della strategia che intendono realizzare. Esso si articola in sette domande che verificano la sussistenza di alcuni caratteri comuni e ricorrenti che la letteratura ha indicato come distintivi di quelle più virtuose. Essendo un test generale, non valuta nel merito le scelte che un'impresa compie in un contesto. Ciò nonostante, non sorpassare a pieni voti l'esame denuncia una o più fragilità che dovrebbero far riflettere i decisori sulla consistenza e validità dell'impianto logico alla base delle loro azione.

Leggi tutto →