Archivio tag per: Big Why

Perché il nuovo banking sarà la metafora del fare impresa*

Reading time: 7 minutes

14 Set
14/09/2015
Foto del profilo di Carlo Alberto Carnevale Maffè

by Carlo Alberto Carnevale Maffè

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

 “Banca” – come “impresa” – è sostantivo singolare, femminile. Singolare, nel senso di diverso e differenziante. Femminile: ovvero accogliente, responsabile, sociale, generativo. E poiché anche Facebook ha ormai ottenuto una licenza bancaria, essere banca è diventato un predicato, ovvero ciò che si può dire di molti diversi soggetti.
Non basta più, quindi, parlare dell’innovazione “nella banca”, ma è necessario studiare l’innovazione “della banca”. Perché il confine tra banca e impresa è sempre più labile, e i rispettivi modelli organizzativi sono sempre più convergenti.

Per farlo è opportuno superare una concezione ristretta del banking, che lo vede rigidamente suddiviso per canali e per livelli: nel livello di front-end, superando la divisione tra il canale fisico e quello digitale; nel livello di back-end, rivedendo la concezione a silos che vede le fabbriche di prodotto separate dai processi di valutazione del rischio o di compliance regolatoria. La nuova banca, al contrario, è un’organizzazione sempre più integrata e pervasiva, che attraverso l’ubiquità dei processi digitali coglie opportunità di banking – a monte, nei processi economici 
e non solo a valle, nei clienti – non altrimenti raggiungibili a condizioni efficienti.

Leggi tutto →

Why wasn’t Red Bull invented by Coca Cola?

Reading time: 8 minutes

11 Mar
11/03/2015
Foto del profilo di Mikkel Draebye

by Mikkel Draebye

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

In 1982, Dietrich Mateschitz was marketing director for a toothpaste company. Like many other people in Thaliand, especially workers, he bought and drank Krating Daeng ("Red Bull") to give him a boost of energy and to fight jet-lag.
Observing that there was a strong domestic demand for the drink, Mateschitz hooked up with Chaleo Yoovidhya, founder of TC Pharmaceuticals that had launched Krating Daeng in Thaliand back in 1976 on a project aimed at introducing the product in Europe. Mateschitz invested all his savings and the European version of Redbull (a carbonated energy drink with an adapted taste) was launched in Austria in 1987 and is now the world's leading brand in the energy drink category.

SONY DSCIn 2008 CocaCola decided to launch their own energy drink (Monster) and in 2009 Pepsi followed with signing a distribution deal with Rockstar Energy.
There might be several reasons for why CocaCola and Pepsi, with their existing brand, production facilities, market intelligence units, marketing research and customer monitoring, did not pick up and experimented with this new category before 10 years after Mateschitz “couped” the market, but the situation is not atypical. In spite of being present on the market, having money to pay consultants and marketing people to follow market developments and trends and in spite of having existing distribution networks and therefore easy access to market data, many large companies are struggling to be pro-active, fast, entrepreneurial and innovative.

Leggi tutto →

Purché sia semplice: le aziende italiane e il digitale

Reading time: 5 minutes

26 Nov
26/11/2014
Foto del profilo di Carlo Alberto Carnevale Maffè

by Carlo Alberto Carnevale Maffè

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

 “Le organizzazioni efficaci sono garrule, maldestre, superstiziose, ipocrite, mostruose, ottopodi, erranti e scontrose”.

Quando Karl Weick, il geniale teorico dei legami deboli, scrisse quest'affermazione non si riferiva necessariamente alle aziende italiane. Ma le sue ipotesi possono contribuire a spiegare come mai l'utilizzo di Internet ed in generale il digitale in Italia rimanga strutturalmente sotto la media europea, mentre da oltre 20 anni il Bel Paese è leader nell'adozione della telefonia mobile. Vediamo perché, in tre punti.

Leggi tutto →

Perché promuovere il ruolo strategico dei CdA?

Reading time: 8 minutes

04 Nov
04/11/2014
Foto del profilo di Alessandro Zattoni

by Alessandro Zattoni

Director of the Executive Education Open Program Division

Alcune ricerche sui Consigli di Amministrazione (CdA) condotte negli anni ’90 hanno evidenziato che tali organi svolgevano un ruolo prevalentemente formale che consisteva nel ratificare le proposte del top management. Da allora (quasi) tutto è cambiato. Il codice di autodisciplina ha esplicitato sin dal 1999 che il CdA delle società quotate deve esaminare e approvare i piani strategici, operativi e finanziari dell’impresa. Più recentemente nel 2003 il codice civile ha esteso tale raccomandazione a tutte le società per azioni (art. 2381).

Possiamo quindi dire che il CdA di tutte le società per azioni svolge efficacemente il proprio ruolo strategico?

Leggi tutto →

Sette domande per una strategia di successo

Reading time: 8 minutes

12 Mag
12/05/2014
Foto del profilo di Paolo Morosetti

by Paolo Morosetti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Perché una strategia fallisce?

Lo studio delle cosiddette condizioni di successo (o di efficacia) di una strategia non è materia nuova. Da tempo ricercatori e consulenti di management si sono cimentati nell’indagine, dando alle stampe suggerimenti e riflessioni, talvolta declinati  per varietà di settore oppure modello di business.

Da questo patrimonio di sapere ho voluto attingere per elaborare un test generale che aiuti i leader aziendali a giudicare la validità della strategia che intendono realizzare. Esso si articola in sette domande che verificano la sussistenza di alcuni caratteri comuni e ricorrenti che la letteratura ha indicato come distintivi di quelle più virtuose. Essendo un test generale, non valuta nel merito le scelte che un'impresa compie in un contesto. Ciò nonostante, non sorpassare a pieni voti l'esame denuncia una o più fragilità che dovrebbero far riflettere i decisori sulla consistenza e validità dell'impianto logico alla base delle loro azione.

Leggi tutto →