Archivio per mese: Novembre, 2013

Perché una Community di Strategy & Entrepreneurship?

Reading time: 10 minutes

15 Nov
15/11/2013


Business School, manager e imprenditori verso un nuovo modo di fare management

La storia recente parla da sola: le grandi banche d’investimento avevano come primo obiettivo quello di fare soldi e compiacere l’azionista, chi lavorava a Wall Street lo faceva per guadagnare cifre da capogiro. La strada del profitto fine a se stesso ha fatto precipitare le cose: Wall Street è entrata in crisi, le aziende sono state attraversate da scandali di grande portata. Enron, Lehman Brothers, Parmalat e Cirio, sono solo alcuni nomi che hanno scosso l’opinione pubblica. L’ondata di scandali, che si è moltiplicata da un continente all’altro, ha aperto un dibattito su chi siano e come si possano formare i leader responsabili, ovvero coloro che sappiano coniugare risultati stabili nel tempo e una attenzione ai principi etici di fondo.

crisi

Non a caso il dibattito ha coinvolto in maniera rilevante il ruolo delle Business School, additate da più parti di essere carenti nel riuscire a formare leader responsabili e resilienti, capaci, cioè, di una congrua visione d’insieme: non solo interpreti lineari di ruoli scolpiti a organigramma, ma agenti di cambiamento e innovazione in coerenza con l’evoluzione del contesto e portatori sani di valori.  Appare evidente come in questo momento sia necessario rivedere in chiave più continua e collaborativa il rapporto tra “chi fa” (gli attori fondamentali dell’economia) e “chi sa” (studiosi e docenti di management) per costruire insieme un percorso di rinnovamento.

Leggi tutto →

Gli imprenditori verso il 2020: un po’ Brambilla, un po’ Filini, un po’ Del Vecchio

Reading time: 8 minutes

14 Nov
14/11/2013
Foto del profilo di Federico Visconti

by Federico Visconti

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Il confronto, la provocazione, la sorpresa sono il sale di una community. E’ per questo che per presentarmi al fantastico mondo degli imprenditori ho scelto un titolo non proprio convenzionale, tutt’altro che accademico. La conversazione virtuale ruota attorno a tre cognomi. Il “positioning” della  rubrica fa leva su un vissuto che appartiene alla storia del Paese. Lo riprende, lo valorizza, lo manipola, tra il serio e il faceto,  con un obiettivo molto semplice: parlare degli imprenditori, delle sfide che affrontano, delle ansie che vivono, delle soddisfazioni cui ambiscono.

Leggi tutto →

5 consigli per fare meno riunioni o almeno renderle più produttive

Reading time: 5 minutes

14 Nov
14/11/2013
Foto del profilo di Antonio Catalani

by Antonio Catalani

SDA Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Il dottore è in riunione, può richiamare? oppure …scusami, sono in riunione, possiamo sentirci più tardi? Le varianti sono tante, ma il succo è sempre quello e gira attorno a una parola: riunione. Una parola magica che si utilizza che si stia decidendo delle sorti dell’azienda, o che si stia facendo quattro chiacchiere -utili per carità per il clima aziendale- per raccontarsi l’ultimo weekend! Una soluzione che consente di filtrare un rompiscatole o di rimandare una risposta dovuta a qualcuno (chi non lo ha mai fatto scagli la prima pietra). Ma cosa sono le riunioni e, soprattutto, perché la vita dei manager è sempre più caratterizzata da questa attività che assorbe tempo ed energie, è costosa e, a pensarci bene, temo che a volte produca più danni che benefici?

Leggi tutto →

L’alimentare italiano: vincere in casa è (ancora) possibile?

Reading time: 6 minutes

13 Nov
13/11/2013
Foto del profilo di Angela Amodio

by Angela Amodio

SDA Assistant Professor of Strategic and Entrepreneurial Management

Complici, da una parte, la stagnazione economica dei paesi del Vecchio Mondo e, dall’altra, la crescente attrattività dei mercati emergenti, sono in molti a promuovere presso le aziende italiane la strada dell’internazionalizzazione di lungo raggio quale unico strumento per la crescita. Questi stimoli coinvolgono tanto imprese di grandi dimensioni operanti in business e con prodotti facilmente esportabili quanto operatori di piccole e medie dimensioni, le cui attività risultano strettamente legate al paese d’origine e per le quali spesso raggiungere clienti così distanti – non solo geograficamente – diviene più complesso.

Leggi tutto →