Archivio per autore per: GiovanniBerti

Idee per generare nuove idee nelle PMI

31 Ott
31/10/2017
Foto del profilo di Giovanni Berti

by Giovanni Berti

SDA Fellow of Strategic and Entrepreneurial Management

Viviamo in un’epoca di grandissimi cambiamenti che accadono ad una velocità mai vista prima. Nuovi modelli di business sono stati disruptive per settori assolutamente consolidati. Intelligenza artificiale, robotica, machine learning e internet of things sono termini che entrano prepotentemente nel linguaggio comune. Nuovi prodotti si appropriano dell’appellativo smart perché non più composti solo da hardware ma facenti parte di un sistema che comprende anche sensori, software, microprocessori e capacità di connessione. Gli smart products permettono di espandere le funzionalità dei prodotti stessi creando innumerevoli opportunità, ma anche potenziali minacce, facilitando l’ingresso di nuovi player che fanno leva su competenze prima marginali per un settore e oggi divenute fondamentali.

Per affrontare questi cambiamenti e la velocità con cui essi si manifestano è necessario fermarsi e dedicare del tempo a ragionare sulle possibili evoluzioni del settore in cui operiamo e capire come la nostra azienda può continuare ad essere competitiva.

Leggi tutto →

PMI: conoscere per innovare, aggregarsi per conoscere

Reading time: 6 minutes

30 Mar
30/03/2017

Foto del profilo di Giovanni Berti

by Giovanni Berti

SDA Fellow of Strategic and Entrepreneurial Management

In un precedente articolo di questa rubrica, ho descritto la posizione di vantaggio di cui gode la PMI rispetto alla grande impresa nel produrre innovazione. Un vantaggio che troppo spesso è annullato da un eccessivo focus sulla gestione del quotidiano che rallenta l’innovazione nelle piccole e medie imprese.

Se ci concentriamo sull’aspetto più critico del processo di innovazione, ovvero la generazione di idee e la loro traduzione in valore, non v’è dubbio che la disponibilità di informazioni giochi un ruolo fondamentale: da un lato, è fonte di nuove idee e, dall’altro, riduce il rischio di intraprendere attività che non avranno un riscontro positivo sul mercato.

Leggi tutto →

6 passi per innovare nelle PMI

Reading time: 7 minutes

12 Ott
12/10/2016

Foto del profilo di Giovanni Berti

by Giovanni Berti

SDA Fellow of Strategic and Entrepreneurial Management

La piccola e media impresa ha alcuni vantaggi intrinsechi rispetto alla grande impresa nella corsa all’innovazione. Avere una struttura flessibile, la capacità di adattarsi velocemente al mercato, l’essere vicina al cliente, un iter decisionale breve e diretto, un’organizzazione snella e un sistema di comunicazione informale efficace, sono caratteristiche che consentono alla PMI di primeggiare nell’innovazione.

Spesso, la PMI non riesce a sfruttare questa posizione di vantaggio a causa di risorse economiche, umane e di tempo limitate che la costringono a focalizzarsi sull’operatività. Proprio questo è il principale ostacolo all’innovazione, che risulta essere per molte aziende una priorità solo sulla carta.

Leggi tutto →

La PMI diventa internazionale: come selezionare i mercati?

Reading time: 6 minutes

13 Mag
13/05/2016
Foto del profilo di Giovanni Berti

by Giovanni Berti

SDA Fellow of Strategic and Entrepreneurial Management

I ricavi conseguiti nei mercati internazionali rappresentano sempre più una voce prevalente nei bilanci delle PMI italiane*. Non sono molte, però, le aziende che seguono un vero e proprio processo strategico per favorire l’internazionalizzazione. In molti casi, non si compiono adeguate analisi di mercato e delle risorse necessarie per competere, non si definiscono obiettivi di lungo periodo e non si identificano strategie da seguire. Il più delle volte, si seguono opportunità, o si decide di fare uno sforzo per entrare in mercati dai quali proprio non si può stare fuori. A volte, sembra quasi una corsa contro il tempo per “piazzare il maggior numero di bandierine su una mappa”. Nulla di male, nella maggior parte dei casi, una bandierina in più sulla mappa significa avere un nuovo cliente e nuovi fatturati. Ma siamo sicuri che non ci siano modi migliori di operare?

Molti studi ci suggeriscono che le aziende con le migliori performance nei mercati esteri non sono necessariamente quelle che esportano in un numero elevato di Paesi**. Le performance migliori sono ottenute dagli imprenditori che concentrano gli investimenti e le risorse in un numero limitato di aree. Cosi facendo, si pongono l’obiettivo di creare un secondo mercato domestico dove replicare ed adattare le determinanti del vantaggio competitivo che hanno portato l’azienda al successo nel suo mercato domestico.

Ecco che in quest’ottica, la scelta del mercato “target” dove concentrare gli investimenti assume un’importanza fondamentale e non può essere determinata esclusivamente da analisi sommarie o facendo leva sull’intuito imprenditoriale.

Leggi tutto →